Facebook censura la storia dell’NY Post sugli acquisti di case da parte della fondatrice di BLM (Black Lives Matter)

Il gigante Big Tech inserisce nuovamente nella sua lista nera notizie di interesse pubblico.

 

Facebook sta bloccando i collegamenti a una storia del New York Post che espone i controversi acquisti di case da parte di Patrisse Khan-Cullors, cofondatrice di Black Lives Matter, impedendo agli utenti di condividere il collegamento pubblicamente o tramite messaggio privato.

L’articolo del Post del 10 aprile è intitolato “ ‘Inside BLM co-founder Patrisse Khan-Cullors’ million-dollar real estate buying binge’” e rivela come Khan-Cullors, una marxista autodefinita, abbia recentemente acquistato quattro case di fascia alta per un totale di $ 3,2 milioni.

Come abbiamo evidenziato in precedenza, una delle case, una proprietà da 1,4 milioni di dollari, si trova a Topanga Canyon, in California, dove la popolazione nera è solo dell’1,6%.

Un’altra delle case, un ranch situato in Georgia, è circondato da “3,2 acri rurali” e dispone di un “hangar privato per aerei con sopra un monolocale” oltre a una piscina coperta.

Dopo che un attivista del BLM ha chiesto un’indagine su come venivano utilizzate le finanze, altre figure di spicco all’interno del BLM hanno minacciato un’azione legale contro di lui.

Ora Facebook sta bloccando completamente gli utenti dal pubblicare un collegamento alla storia originale del NY Post in un altro sfacciato atto di censura.

Quando si tenta di pubblicare il link, l’utente riceve il messaggio “Impossibile condividere il tuo post, perché questo link va contro i nostri standard della community”.

Gli utenti non possono nemmeno inviare il collegamento tramite messaggio privato ai loro amici di Facebook.

“Facebook non ti consentirà di pubblicare questa storia del NY Post e nemmeno di inviarla a un’altra persona. (L’ho appena testato) “, ha twittato Abigail Shrier.

 

“Quindi Facebook ora sta effettivamente aprendo la tua posta e leggendo i contenuti per materiale ideologicamente discutibile. Qualcuno è preoccupato? ” lei chiese.

Twitter ha anche inizialmente costretto il commentatore Jason Whitlock a cancellare il suo tweet sulla fondatrice di BLM, che conteneva un collegamento al sito Web immobiliare di Dirt, ma il tweet è stato successivamente ripristinato.

Settimane prima delle elezioni presidenziali, sia Twitter che Facebook hanno bloccato la pubblicazione di collegamenti a un articolo del New York Post sui contenuti del laptop di Hunter Biden, una mossa descritta come “un passo senza precedenti contro un’importante testata giornalistica”.

Ieri, anche il fondatore di Project Veritas James O’Keefe è stato sospeso definitivamente da Twitter in seguito alla sua denuncia della CNN.

Ma certo, i social non sono di parte!

Fonte: SummitNews

200cookie-checkFacebook censura la storia dell’NY Post sugli acquisti di case da parte della fondatrice di BLM (Black Lives Matter)
Se l'articolo ti è piaciuto fallo sapere ai tuoi amici:

Commenta: