La Germania ora vieta ai non vaccinati di acquistare prodotti alimentari essenziali

Il governo tedesco ha iniziato a incoraggiare i negozi di alimentari a vietare ai residenti non vaccinati di acquistare prodotti alimentari essenziali.

Secondo il quotidiano BILD , lo stato dell’Assia ha approvato una mozione che consentirà ai negozi di alimentari di vietare arbitrariamente l’ingresso alle persone non vaccinate.

Tradotto, il rapporto afferma:

La pressione sui non vaccinati cresce e cresce!

In Assia, tutti i rivenditori, compreso il supermercato, possono ora decidere da soli se vogliono implementare la regola 3G (vaccinato, testato, guarito) o la regola 2G – finora non ci sono state restrizioni di accesso nei supermercati per dare a tutti la possibilità della concessione dei servizi di base.

La Cancelleria di Stato dell’Assia conferma a BILD che il “modello dell’opzione 2G” si applica anche al settore della distribuzione alimentare.

Summit.news riporta: Un rapporto in lingua inglese  sulle note di sviluppo “Le normative 2G si riferiscono a luoghi pubblici in cui solo le persone vaccinate hanno la possibilità di entrare. 

Le cosiddette regole 3G richiedono ancora a chiunque voglia entrare in un edificio di dimostrare di essere risultato negativo, ma le regole 2G rimuovono del tutto questa opzione.

Il governo tedesco aveva escluso supermercati e negozi che vendono articoli essenziali dalla maggior parte delle restrizioni, ma il governo dell’Assia ha ora messo questa decisione nelle mani dei negozi.

Lo stato federale ospita più di sei milioni di persone e comprende la principale città di Francoforte.

La mossa significa che un totale di otto stati federali in Germania ora consentono alle aziende e agli organizzatori di eventi di istituire la cosiddetta opzione 2G.

Qual è l’obiettivo di questa mossa? Far letteralmente morire di fame le persone che si rifiutano di prendere i vaccini?

Come abbiamo riportato in precedenza, filmati dalla Francia evidenziano come alcuni negozi stiano cercando di impedire l’ingresso alle persone senza passaporti vaccinali, nonostante il fatto che la legge sui passaporti COVID del paese stabilisca che i rivenditori con una superficie inferiore a 20.000 metri quadrati dovrebbero essere esonerate.

In Cile all’inizio di quest’anno, è emerso un video di una donna anziana a cui è stato negato l’ingresso in un supermercato perché non aveva ottenuto il permesso governativo necessario per acquistare generi alimentari in base alle regole di blocco del paese.

Nel frattempo nel Regno Unito, il personale del supermercato ha minacciato di chiamare la polizia dopo che un uomo che era esonerato dal punto di vista medico dall’indossare la mascherina si era rifiutato di indossare un adesivo giallo che il personale ha tentato di apporre su di lui.

Fonte: NewsPunch

Se hai trovato l'articolo interessante aiutaci a condividerlo:

Commenta: